Mentre le città scoprono il potere dei Big Data e dei dispositivi IoT ubiqui per migliorare l'efficienza e la vivibilità dell'ambiente urbano, si dovrebbe prestare maggiore attenzione alle minacce alla sicurezza: più sensori IoT sono distribuiti, maggiore potrebbe essere il rischio di attacchi da parte di hacker e altri cattivi attori.

Utilizzando blockchain e il suo meccanismo sicuro e decentralizzato, le città hanno l'opportunità di portare la connettività su scala senza compromettere la sicurezza nel processo. L'immutabilità del sistema accoppiata con le chiavi crittografiche può essere utilizzata per stabilire l'identità radice per i dispositivi IoT. Se si aggiungono alcuni algoritmi di apprendimento automatico, la reputazione del dispositivo e le variazioni comportamentali possono essere accuratamente tracciate, coinvolgendo così gli oggetti in transazioni autonome sicure all'interno di una sfera di fiducia. Blockchain offre anche potenti capacità di ledgering e audit attraverso la sua intrinseca funzione di timestamp.

Per saperne di più, leggete il nostro articolo su La collina