Le città sono sempre più alla ricerca di smart, soluzioni interoperabili per affrontare questioni urgenti come il cambiamento climatico, la carenza di risorse o la coesione sociale. Nel loro sforzo di costruire comunità resilienti, sostenibili e inclusive, i sindaci e i leader delle città stanno lottando per innovare anche gli appalti. Le RFP tradizionali si stanno evolvendo per dare ai fornitori - dalle aziende mature alle start-up - più spazio per modellare la portata e fornire il valore aggiunto che potrebbe davvero dare impulso al progresso in città aperte.

Quanta familiarità hanno le Città con gli appalti innovativi? Citymart ha recentemente monitorato gli appalti 2019 in più di 200 città negli Stati Uniti, Canada, Regno Unito e Irlanda, confrontando quanto siano accessibili e aperti. Secondo il loro risultatiIl Canada ha il più alto numero di appalti innovativi a livello comunale / provinciale pro capite, mentre Boston è in testa a livello globale come la città con il più alto numero di appalti innovativi pro capite con un 4,1 per 100.000 abitanti all'anno. Nel Regno Unito, il South Lakeland District Council è al primo posto tra le autorità locali con un 3,8 annualizzato per 100.000 abitanti.

Le città americane che innovano, fanno 2,5 in più dei loro pari internazionali, con una media di 8 RFP innovativi all'anno, dove le loro controparti canadesi ed europee hanno una media di 1-1,5 per città. New York City e Boston sono casi esemplificativi: mentre NYC ha pubblicato 13 appalti innovativi su 1010 sollecitazioni nel periodo studiato (circa 1,3% di transazioni), Boston ha consegnato la stessa quantità di appalti innovativi, ma rappresentando circa 6,7% dei suoi appalti totali. Questo indica una maggiore penetrazione dell'agenda dell'innovazione della città nei suoi dipartimenti.