La città di Barcellona in Spagna sta testando i droni per migliorare la gestione delle sue spiagge e stimare l'affluenza dei bagnanti in tempo reale. Non preoccupatevi: come si legge chiaramente nel bando pubblico, il sistema di elaborazione delle immagini rende anonime le persone riprese, salvaguardando così pienamente i diritti e le libertà degli individui.

La privacy e la protezione dei dati sono sempre più importanti per le persone. Le tecnologie di sorveglianza, come qualsiasi altro sistema urbano digitale, sono sempre più soggetti allo scrutinio pubblico in quanto i cittadini vogliono sapere chi e cosa viene monitorato, quali dati vengono raccolti, come vengono trattati, quali livelli di sicurezza vengono garantiti.

La fiducia del pubblico è fondamentale per il successo di qualsiasi progetto smart relativo a beni, infrastrutture e spazi pubblici. Per questo motivo molte città stanno coinvolgendo le loro comunità nelle prime fasi di progettazione, ben prima che la tecnologia venga acquistata e installata. Più informazioni vengono divulgate in modo proattivo sugli obiettivi del progetto, sui sistemi da implementare e sui dati da raccogliere, più facile dovrebbe essere costruire il consenso e l'accettazione pubblica.

Naturalmente, la strada potrebbe non essere tutta in discesa - ma almeno la città non dovrebbe sperimentare quello che è successo a San Diego, negli USA. Nel 2019 i cittadini sono venuti a conoscenza del fatto che tre anni prima la città aveva installato di nascosto delle telecamere di sorveglianza su 3.000 lampioni intelligenti. Le telecamere sono state immediatamente spente, ma la polemica sulla governance tecnologica e sulla protezione della privacy non è ancora terminata.

Un modo semplice per essere trasparenti è rendere la tecnologia in qualche modo visibile. Sembra un po' controintuitivo, ma si è rivelato efficace. La città di Boston ha testato DTPR, uno standard di comunicazione open-source per le tecnologie digitali negli spazi pubblici, e ha posizionato icone riconoscibili dove i sensori connessi erano attivi, incoraggiando i cittadini a saperne di più attraverso la scansione di un codice QR. L'iniziativa è stata molto apprezzata in quanto parte degli sforzi di Boston per garantire che la raccolta di dati in ambito pubblico ispiri fiducia, impegno e soddisfazione ai residenti.

Ma rassicurare le persone sulla privacy e sulla gestione dei dati non è sufficiente per guadagnare fiducia. Consideriamo un elemento aggiuntivo, cioè l'efficacia. I cittadini e gli stakeholder vogliono sapere se gli obiettivi sono stati raggiunti, quali risultati sono stati conseguiti, come le tecnologie intelligenti hanno contribuito a rendere la comunità più sicura, sostenibile e vivibile. La misurazione accurata delle metriche chiave è quindi fondamentale: senza un'adeguata rendicontazione, le città avranno difficoltà a gestire e mantenere la fiducia nelle tecnologie digitali nel tempo.

 

Image credit: Città di Boston, segnaletica DTPR in Tremont e Boylston Street