Giappone sta invecchiando rapidamente. In un Paese che ospita il numero record di 80.000 centenari, circa il 29% della popolazione ha 65 anni o più, e nel 2036 gli anziani rappresenteranno un terzo della popolazione. Il super-invecchiamento della società non è un problema che riguarda solo il Giappone, ovviamente.

La tendenza in Europa non è troppo diversa. Nel Regno Unito, in Inghilterra e Galles ci sono più persone oltre i 65 anni che bambini sotto i 15 anni. Le persone anziane sono aumentate del 20% nell'ultimo decennio. Negli Stati Uniti, ogni giorno circa 10.000 persone compiono 65 anni e si prevede che la percentuale di persone con più di 85 anni raddoppierà fino a raggiungere i 14 milioni entro il 2040, in parte perché gli americani vivono più a lungo. Nel 2050 in America vivranno 84 milioni di persone anziane.

Chi si occuperà degli anziani in America?", titola Politico.com. Un interrogativo non da poco, soprattutto se si considera che la carenza di manodopera che attanaglia gli Stati Uniti in tutti i settori si fa sentire soprattutto nella sanità: 400.000 dipendenti di case di cura e residenze assistite hanno lasciato il lavoro dal gennaio 2020 a causa dell'esaurimento da pandemia, dei bassi salari e delle limitate opportunità di carriera.

Il dibattito intorno alle nuove AgeTech - tecnologie progettate per soddisfare le esigenze degli anziani e di coloro che se ne prendono cura - si riaccende e si interseca con l'attenzione crescente per la medicina P4, ora P5, ovvero una medicina predittiva, personalizzata, preventiva, partecipativa e di precisione. Questo approccio assistenziale incentrato sul paziente sfrutta le più recenti tecnologie digitali e basate su sensori, intelligenza artificiale e robotica per supportare la diagnosi, il trattamento e l'assistenza.

I letti sensorizzati sono sempre più utilizzati negli ospedali, nelle cliniche, nelle case di cura e di riposo: non sostituiscono il personale infermieristico, ma possono alleggerire la fatica degli operatori e rendere più rapide e semplici alcune attività di routine, con vantaggi anche per i pazienti. Integrando sensori ad alta precisione per misurare alcuni parametri vitali e il peso corporeo di riferimento, queste soluzioni contribuiscono a monitorare efficacemente le condizioni dei pazienti, ridurre il carico di lavoro del personale infermieristico e risparmiare alcuni disagi agli assistiti.

Le piattaforme basate sull'IoT per il monitoraggio remoto e non invasivo del paziente possono essere utilizzate anche per gli anziani e i pazienti assistiti a domicilio. Possono beneficiare di un'assistenza medica continua e affidabile senza lasciare la propria casa e godendo di una certa indipendenza.

Le AgeTech e le tecnologie smart non sono la soluzione perfetta al super-invecchiamento della società, ma possono rendere la longevità un po' più confortevole e supportare l'assistenza medica in caso di necessità.