Smart buildings are pivotal for carbon neutral cities

Edifici intelligenti per città a emissioni zero

Chi vive a New York City, San Francisco, Washington D.C., Boston e St. Louis dovrebbe prestare maggiore attenzione alle normative locali che limitano le emissioni di gas serra e il consumo di energia degli edifici di grandi dimensioni. Secondo quanto riportato da Smart Cities Dive, queste cinque città inizieranno presto a multare i proprietari di edifici che non si conformano alle nuove regole.

A New York, le multe inizieranno nel 2024 per gli edifici commerciali di dimensioni superiori a 25.000 piedi quadrati lordi che superano i limiti di emissioni di gas serra stabiliti dal Climate Mobilization Act. San Francisco ha presentato l'obiettivo di azzerare le emissioni di gas serra degli edifici di grandi dimensioni entro il 2035, mentre a Washington D.C. si applicheranno standard specifici di emissione e di consumo energetico per gli edifici di proprietà privata di dimensioni superiori a 50.000 piedi quadrati a partire dal 2026.

Gli decarbonizzazione degli edifici è una sfida dalle molteplici sfaccettature e, nonostante l'urgente richiesta di azione per il clima nelle città, sembra che il divario tra le prestazioni degli edifici e gli obiettivi di decarbonizzazione si stia ampliando. Secondo l'ultimo rapporto della Global Alliance for Buildings and Construction, nel 2021 la domanda di energia per il riscaldamento, il raffreddamento, l'illuminazione e le attrezzature degli edifici è aumentata di circa 4% dal 2020 e 3% dal 2019.

Il settore dell'edilizia è orientato all' innovazione sostenibile. L'uso di materiali alternativi è sempre più esplorato, insieme all'integrazione di sistemi di generazione di energia e di tecnologie di cattura e stoccaggio della CO2. Oggi, un numero crescente di edifici di grandi dimensioni prevede sistemi di gestione abilitati dall'IoT (BMS) per monitorare e controllare gli impianti chiave per l'illuminazione, il riscaldamento, il raffreddamento e la climatizzazione,la videosorveglianza, nonché i livelli di occupazione e l'efficacia operativa.

Gli inquilini, i proprietari di edifici e i gestori possono trarre vantaggio da sensori connessi, algoritmi e analytics avanzati per vivere e lavorare in un ambiente più sicuro ed efficiente. Le luci vengono spente o attenuate automaticamente se non c'è nessuno, il riscaldamento e il raffreddamento vengono regolati per ridurre al minimo il consumo energetico senza compromettere il comfort individuale. Queste tecnologie per gli edifici intelligenti hanno successo in minimizzare l'impatto ambientale e il consumo di risorse naturali come l'energia e l'acqua.

Gli edifici ad alta efficienza energetica generano anche opportunità di risparmio sui costi e sono ancora più inclusivi. Si pensi all'apertura automatica delle porte, ai dispositivi di controllo vocale e ai sistemi di rilevamento delle cadute, che forniscono accessibilità facilitata per le persone con disabilità.

Gli edifici intelligenti sono fondamentali per le città carbon neutral, ha dichiarato il Programma delle Nazioni Unite per l'Ambiente durante il recente vertice sul clima COP27. Non dimentichiamo che il settore edilizio è responsabile di oltre 34% della domanda energetica complessiva e di circa 37% delle emissioni CO2 legate all'energia e ai processi.


climate adaptation

Giornata mondiale delle città 2022: adattamento climatico per un futuro globale sostenibile

L'imminente vertice sul clima COP27, che inizierà il 6 novembreth a Sharm El-Sheikh, in Egitto, non comincia con buone notizie. Studi scientifici hanno dimostrato che il riscaldamento del pianeta sta accelerando e il 2022 sarà tra i 10 anni più caldi mai registrati. Anche se i Paesi stanno attenuando la curva delle emissioni globali di gas serra, i loro sforzi rimangono insufficienti, e il mondo è sulla buona strada per scaldarsi di circa 2,5 gradi Celsius entro la fine del secolo, ben oltre la soglia raccomandata di 1,5 gradi Celsius.

Si auspica che la COP27 discuterà e troverà soluzioni in cinque aree chiave d'azione , in particolare la natura, il cibo, l'acqua, la decarbonizzazione dell'industria e l'adattamento climatico. Concentriamoci su quest'ultimo aspetto, adattamento climatico.

Circa 3,3 miliardi di persone vivono in contesti climatici altamente fragilie le comunità più vulnerabili, che sono le meno responsabili dei cambiamenti climatici, sono direttamente e massicciamente colpite. Alla COP27, l'adattamento climatico sarà al centro dei colloqui, e tornerà forte la richiesta alle città di svolgere un ruolo importante e decisivo.

Act Local to Go Global" è proprio il tema della Giornata mondiale delle città 2022, che ricorre oggi (31 ottobre)st) e riconoscendo il ruolo critico delle aree urbane nel raggiungimento di un futuro globale sostenibile. "Ci restano solo circa 87 mesi, 380 settimane o 2600 giorni per implementare il piano di sviluppo urbano. Sustainable Development Goals 2030. Il modo migliore per farlo è garantire che le nostre città e comunità siano sostenibili. È ora di agire", ha dichiarato Maimunah Mohd Sharif, sottosegretario generale delle Nazioni Unite e direttore esecutivo di UN-Habitat.

"In una serie di obiettivi critici, dalla povertà alla fame, dall'uguaglianza di genere all'istruzione, non stiamo assistendo a un progresso, ma a un arretramento. Le conseguenze sono drammatiche: aumento del caos climatico, crescita della povertà, aumento delle disuguaglianze e altro ancora. Dobbiamo cambiare rotta e possiamo farlo. Il tema di quest'anno della Giornata mondiale delle città è Act Local to Go Global. Gli obiettivi sono di portata globale, ma l'attuazione è locale.E questo significa che l'attuazione avviene in gran parte nelle città", ha ribadito il Segretario generale delle Nazioni Unite, António Guterres.

Come possono le città agire localmente per l'adattamento climatico? La Commissione Globale sull'Adattamento suggerisce l'implementazione di sistemi di allerta precoce, infrastrutture resilienti al clima e soluzioni basate sulla natura, sfruttando le tecnologie intelligenti per rafforzare gli sforzi e massimizzare i risultati. La stessa Commissione ha stimato che un investimento globale di $1,8 trilioni di euro in misure di adattamento al clima potrebbe generare $7,1 trilioni di euro di benefici netti totali entro il 2030.

 

Siete alla ricerca di soluzioni innovative per trasformare la vostra città in una comunità sostenibile e resiliente al clima? PE Smart Urban Network può contribuire a farvi risparmiare fino all'80% di energia e relative emissioni di gas serra nell'illuminazione stradale, migliorare la gestione dei parcheggi e la raccolta dei rifiuti solidi, integrare sensori per il monitoraggio ambientale,la prevenzione dei disastri e il supporto alle emergenze. Vieni a trovarci a Smart City Expo World Congress (Barcellona, 15-17 novembre 2022) per saperne di più e partecipare a dimostrazioni live!