super-ageing society calls for smart technologies

Il super-invecchiamento della società ha bisogno di tecnologie smart

Giappone sta invecchiando rapidamente. In un Paese che ospita il numero record di 80.000 centenari, circa il 29% della popolazione ha 65 anni o più, e nel 2036 gli anziani rappresenteranno un terzo della popolazione. Il super-invecchiamento della società non è un problema che riguarda solo il Giappone, ovviamente.

La tendenza in Europa non è troppo diversa. Nel Regno Unito, in Inghilterra e Galles ci sono più persone oltre i 65 anni che bambini sotto i 15 anni. Le persone anziane sono aumentate del 20% nell'ultimo decennio. Negli Stati Uniti, ogni giorno circa 10.000 persone compiono 65 anni e si prevede che la percentuale di persone con più di 85 anni raddoppierà fino a raggiungere i 14 milioni entro il 2040, in parte perché gli americani vivono più a lungo. Nel 2050 in America vivranno 84 milioni di persone anziane.

Chi si occuperà degli anziani in America?", titola Politico.com. Un interrogativo non da poco, soprattutto se si considera che la carenza di manodopera che attanaglia gli Stati Uniti in tutti i settori si fa sentire soprattutto nella sanità: 400.000 dipendenti di case di cura e residenze assistite hanno lasciato il lavoro dal gennaio 2020 a causa dell'esaurimento da pandemia, dei bassi salari e delle limitate opportunità di carriera.

Il dibattito intorno alle nuove AgeTech - tecnologie progettate per soddisfare le esigenze degli anziani e di coloro che se ne prendono cura - si riaccende e si interseca con l'attenzione crescente per la medicina P4, ora P5, ovvero una medicina predittiva, personalizzata, preventiva, partecipativa e di precisione. Questo approccio assistenziale incentrato sul paziente sfrutta le più recenti tecnologie digitali e basate su sensori, intelligenza artificiale e robotica per supportare la diagnosi, il trattamento e l'assistenza.

I letti sensorizzati sono sempre più utilizzati negli ospedali, nelle cliniche, nelle case di cura e di riposo: non sostituiscono il personale infermieristico, ma possono alleggerire la fatica degli operatori e rendere più rapide e semplici alcune attività di routine, con vantaggi anche per i pazienti. Integrando sensori ad alta precisione per misurare alcuni parametri vitali e il peso corporeo di riferimento, queste soluzioni contribuiscono a monitorare efficacemente le condizioni dei pazienti, a ridurre il carico di lavoro del personale infermieristico e a risparmiare i disagi dei destinatari.

Le piattaforme basate sull'IoT per il monitoraggio remoto e non invasivo del paziente possono essere utilizzate anche per gli anziani e i pazienti assistiti a domicilio. Possono beneficiare di un'assistenza medica continua e affidabile senza lasciare la propria casa e godendo di una certa indipendenza.

Le AgeTech e le tecnologie smart non sono la soluzione perfetta al super-invecchiamento della società, ma possono rendere la longevità un po' più confortevole e supportare l'assistenza medica in caso di necessità.


quality healthcare

Assistenza sanitaria di qualità per la popolazione in età avanzata

Gli scienziati non sono d'accordo la popolazione mondiale aumenterà o diminuirà nel corso del prossimo secolo. Le Nazioni Unite prevedono 10,9 miliardi di persone sul pianeta entro il 2100 e la continua crescita della popolazione, ma un team di ricercatori dell'Università di Washington descrive uno scenario diverso.

Secondo i loro presupposti, la popolazione mondiale probabilmente raggiungerà il picco ben prima della fine del secolo e raggiungerà i 9,7 miliardi di persone nel 2064. Poi inizierà un declino che continuerà inesorabilmente, per cui il mondo conterà tra 6,3 e 8,8 miliardi di individui entro il 2100.

Una cosa mette tutti d'accordo: la popolazione sta complessivamente invecchiando, dato che la proporzione di persone di 65 anni e oltre è aumentata significativamente negli ultimi due decenni. Il crescente numero di cittadini anziani sta preoccupando specificamente alcune regioni e paesi, tra cui il Giappone, gli Stati Uniti, e l'Europa.

Eurostat, il centro statistico dell'UE, dice che ora ci sono meno di tre adulti in età lavorativa (20-64) per ogni cittadino europeo over 65. Questo rapporto è destinato a peggiorare, considerando che i tassi di fertilità sono diminuiti nella maggior parte dei paesi. Entro gennaio 2050 ci saranno meno di due adulti in età lavorativa per ogni persona anziana.

Naturalmente, questo sta colpendo seriamente le economie nazionali e i governi sono sollecitati a far fronte ai maggiori costi delle pensioni, dei servizi sociali e della assistenza sanitaria di qualità.

Cosa vuol dire qualità dell'assistenza sanitaria? Si tratta prima di tutto di fornire un adeguato supporto fisico e medico alla popolazione anziana. Le innovazioni tecnologiche giocano un ruolo importante - Si pensi ai dispositivi indossabili e ai sistemi basati sull'intelligenza artificiale per il monitoraggio della salute e la diagnosi precoce delle malattie, agli ausili di nuova generazione per affrontare la perdita dell'udito e il declino sensoriale che causa menomazioni e isolamento sociale, o ai sistemi cognitivi per mantenere la salute del cervello e il funzionamento delle chiavi.

Ma un'assistenza sanitaria di qualità significa anche fornire un supporto affidabile alle persone anziane che vivono a casa o in case di cura e di riposo, sviluppando soluzioni convenienti per il monitoraggio continuo non invasivo delle condizioni di salute, e sostenere i caregiver e le famiglie nei loro compiti. I piani di cura personalizzati e basati sui dati possono migliorare la qualità generale della vita degli anziani e possono ridurre i costi medici a lungo termine.

 

Interessati a soluzioni innovative per una cura intelligente? Scoprite di più