zero waste cities

Come migliorare i servizi di raccolta nelle città "zero waste"

Lo sforzo per ridurre i rifiuti e aumentare il riciclo risale alla fine degli anni '90, quando parole chiave come "economia circolare" non erano ancora diventate popolari. Mentre la mitigazione dei cambiamenti climatici diventava una priorità per i governi nazionali e locali, i primi anni 2000 hanno visto un crescente entusiasmo verso l'idea "zero waste", che la Zero Waste International Alliance ha definito ufficialmente come "la conservazione di tutte le risorse (...) senza combustione e senza scarichi nel terreno, nell'acqua o nell'aria che minaccino l'ambiente o la salute umana".

L'ambizioso obiettivo è stato ripreso dalle città negli anni 2010, quando il miglioramento della gestione dei rifiuti solidi e del riciclo è stato riconosciuto come uno dei modi più efficaci per ridurre l'impronta carbonica delle comunità urbane. Le politiche e le misure effettive per raggiungere l'obiettivo "zero rifiuti" (nella maggior parte dei casi, è fissato un tasso di diversione pari a 90% o superiore) variano molto, e molte comunità hanno dovuto fermare o rallentare il loro impegno durante la pandemia Covid-19.

In Europa, Barcellona si è recentemente impegnata a diventare una città a rifiuti zero aumentando il tasso di raccolta differenziata al 67% entro il 2027 (la media europea è di circa 48%) e riducendo la produzione di rifiuti pro capite a 427 kg all'anno entro il 2027. La tedesca Monaco sta percorrendo un cammino simile, con l'azienda locale di gestione dei rifiuti AWM al lavoro per ridurre i rifiuti domestici pro capite a 310 kg all'anno entro il 2035 e ridurre al minimo possibile i rifiuti urbani che finiscono in discarica e inceneriti.

Negli Stati Uniti, anche le città con tassi stagnanti di riciclo come Chicago si stanno affrettando. Il recupero della frazione organica è stato l'obiettivo iniziale di eventi e programmi educativi (sistemi di compostaggio sono stati offerti agli orti di quartiere per dare ai residenti la possibilità di conferire gli scarti alimentari e utilizzarne il compost), ma la città è anche pronta a ripensare i servizi di raccolta per renderli più efficienti ed efficaci.

La raccolta dei rifiuti solidi urbani è un punto dolente per molte città, che faticano a valutare la migliore frequenza e i migliori itinerari possibili per garantire un'adeguata qualità del servizio (i cestini devono essere svuotati quando e dove necessario) con costi ed efficienza operativa.

Qui è dove soluzioni Smart Waste scalabili e sicure possono aiutare. Le tecnologie basate sull'IoT consentono di collegare e monitorare da remoto i cassonetti, raccogliendo dati sul livello di riempimento, la data e l'ora dell'ultima raccolta, nonché generando allarmi in caso di incendi, atti vandalici o spostamenti non autorizzati dei bidoni.

Analizzando i dati generati dai contenitorie correnlandoli attraverso un software di routing intelligente, gli operatori possono prevedere quando i cassonetti avranno bisogno di essere svuotati e inviare i camion quando è veramente necessario, o quando la città preferisce. Questo migliora la qualità della raccolta, genera efficienza e risparmio e aggiunge benefici rilevanti in termini di salute, sicurezza e vivibilità - anche nelle città "zero waste".

 

Vuoi maggiori informazioni su PE Smart Urban Network e come aiutiamo le città e i servizi pubblici a migliorare la gestione dei rifiuti solidi? Contatta i nostri esperti Smart Waste!


Recycling on-the-go

Il riciclo fuori casa manca di infrastrutture

I tassi di riciclo dei rifiuti urbani, dei rifiuti di imballaggio e delle apparecchiature elettriche ed elettroniche stanno lentamente aumentando nella maggior parte dei paesi occidentali, indicando un progresso verso l'utilizzo dei rifiuti come risorsa e l'avvento della economia circolare. Tuttavia, mentre le persone si impegnano a separare i rifiuti a casa, c'è molto da fare per migliorare il riciclo fuori casa.

Una indagine effettuata in 14 paesi europei dall'agenzia di sondaggi LUCID con Every Can Counts ha rivelato che la maggior parte degli intervistati (93%) vorrebbe vedere più contenitori per la raccolta differenziata nelle strade, negli spazi pubblici, parchi, spiagge o sentieri. Questo numero sale a 94% quando si chiede alle persone di parlare di grandi eventi come festival o eventi sportivi.

La mancanza di infrastrutture adeguate emerge come un ostacolo principale a più alti tassi di riciclo dei rifiuti. L'83% degli intervistati ha detto di differenziare sempre o spesso le confezioni di bevande quando sono a casa, ma questo numero scende a 54% sul posto di lavoro, e solo il 49% lo fa quando è in giro, mentre 48% riciclano in luoghi come parchi e spiagge.

"La maggior parte degli intervistati è pronta a fare di più quando si tratta di differenziare e riciclare le lattine di bevande che consumano fuori casa, ma le soluzioni per la raccolta differenziata sono spesso troppo scarse", ha spiegato il direttore di Every Can Counts Europe, David Van Heuverswyn.

I rifiuti fuori casa sono attentamente monitorati nel Regno Unitodove circa otto miliardi di contenitori per bevande non vengono riciclati ogni anno e vengono messi in discarica, inceneriti o gettati. Qualche settimana fa, Telford e Wrekin nello Shropshire hanno aderito a #InTheLoop, il più grande approccio collaborativo del Regno Unito per aumentare il riciclo fuori casa.

Sperimentato per la prima volta a Leeds nel 2018, è stato portato a Swansea e Edimburgo nel 2019. Nei tre progetti, sono state raccolte e riciclate oltre 1 milione di bottiglie e lattine di plastica e vetro. A Telford e Wrekin, 25 nuovi cestini per i rifiuti saranno posizionati strategicamente in tutto il parco cittadino per incoraggiare i visitatori a riciclare on-the-go, fornendo indicazioni specifiche per una corretta separazione.

Telford e Wrekin monitoreranno l'impatto e l'efficacia dei nuovi contenitori. In caso di successo, il piano è di estenderli in tutto il distretto, iniziando con Oakengates e Newport con altri a seguire, rendendo più facile per i residenti riciclare i rifiuti in altri parchi distrettuali e per strada.

La tua città ha contenitori per la raccolta differenziata nelle strade e negli spazi pubblici? Qualche esperienza o best practice che vuoi condividere? Contatta i nostri esperti Smart Waste per ulteriori approfondimenti e idee!


hotel waste

La sfida estiva della gestione dei rifiuti degli hotel

Quando la stagione estiva è nel suo picco, l'aumento del numero di persone nelle aree turistiche può rendere la gestione dei rifiuti decisamente impegnativa. Alcuni studi hanno dimostrato che un turista può generare fino a due volte più rifiuti di un residente: in città e località molto popolari, questo può avere un impatto negativo sul sistema di raccolta dei rifiuti esistente, con il conseguente aumento dei costi operativi a fronte di una qualità inferiore del servizio, nonché di un contraccolpo in termini di sostenibilità e impegno ambientale.

Gli hotel generano grandi quantità di rifiuti indifferenziati, poiché è più difficile per gli ospiti separare correttamente la loro spazzatura - anche perché molti albergatori non danno istruzioni e contenitori adeguati. Nel 2018 un team di ricercatori dell'Università di Rostock, in Germania, ha studiato la generazione di rifiuti alberghieri in Tunisia,in particolare ad Hammamet e Gammarth, e ha scoperto che l'83% delle strutture ricettive raccoglieva rifiuti misti,che finivano in discarica. Circa l'58% dei rifiuti degli hotel era di natura organica, mentre almeno il 36% era costituito da materiali riciclabili che avrebbero potuto essere valorizzati se fosse stata effettuata una corretta selezione in loco differenziando vetro, metallo, plastica e carta.

In Tunisia, la gestione dei rifiuti solidi è principalmente responsabilità dei comuni. Durante la stagione estiva, la maggior parte delle città fatica a tenere il passo con l'aumento della quantità di spazzatura da trattare, quindi molte di loro delegano la raccolta dei rifiuti alberghieri a operatori privatiottenendo una qualità di servizio superiore a costi inferiori.

Lo studio sopra menzionato ha confrontato le tasse pagate dagli alberghi per i servizi generali, compresa la gestione della spazzatura, con i costi di raccolta dei rifiuti. Nonostante gli operatori privati siano più convenienti delle organizzazioni pubbliche, i risultati hanno segnato chiaramente che le tasse alberghiere non coprono le spese dei comuni per i rifiuti.

Da questo caso si possono trarre alcune lezioni interessanti. Ridurre la produzione di rifiuti e promuovere modelli di economia circolare è una questione dalle molte dimensioni,che richiede una strategia chiara, un'infrastruttura efficiente e uno sforzo educativo diffuso.

La gestione dei rifiuti non dovrebbe essere considerata semplicemente una voce di spesa, ma un'opportunità per migliorare la qualità della vita e l'attrattività turistica rendendo le città più pulite, più sane e più sicure. Alcuni comuni stanno iniziando questo cambiamento investendo in programmi e iniziative educative, ma anche facendo pressione su alberghi, imprese e famiglie facendo pagare le tasse sui rifiuti residui raccolti. Questo dovrebbe incoraggiare una più accurata separazione dei rifiuti e il loro avvio a riciclo.

Le tecnologie intelligenti possono aiutare: la nostra soluzione Smart Waste soluzione permette alle città e ai gestori di migliorare la raccolta dei rifiuti solidi, monitorare il riempimento dei bidoni e ottimizzare gli itinerari dei camion dei rifiutiprendendo decisioni guidate dai dati sull'allocazione delle risorse e sul dispacciamento. Inoltre, grazie a Machine Learningstiamo evolvendo il nostro sistema da piattaforma di raccolta di dati a soluzione predittiva, capace di stimare la data in cui il bidone raggiungerà il suo limite di capacità.

 

Scaricate il nostro paper "Smart waste, an opportunity cities should not trash":unisciti alla nostra comunità digitale per beneficiare di risorse approfondite sulle applicazioni IoT intelligenti per le città aperte!