L'assistenza sanitaria moderna è meno incentrata sulla cura reattiva delle patologie e più sul miglioramento proattivo della salute e del benessere delle persone - usando sempre più metodi innovativi, strumenti e tecnologie digitali. L'idea di una medicina che sia predittiva, preventiva, personalizzata e partecipativa (la cosiddetta Medicina P4) è stata a lungo sostenuta dal biologo americano Leroy Hood e dai pionieri della "systems medicine".

Oggi, gli elementi centrali di quella visione sono ampiamente accettati e sono contenuti in una serie di rapporti recenti dell'Istituto di Medicina e dell'Accademia Nazionale delle Scienze degli Stati Uniti.

In sintesi, la Medicina P4 si occupa di fornire ai pazienti e ai medici informazioni accurate sulle condizioni di salute individuali e le patologie a livello molecolare, cellulare e d'organo. I dati permettono di curare meglio e in modo più conveniente le malattie conosciute personalizzando la terapia e affrontando le cause piuttosto che i semplici sintomi. Allo stesso tempo, i dati permettono l'analisi predittiva avanzata e favoriscono la prevenzione, grazie alla possibilità di anticipare i possibili problemi di salute e le relative soluzioni. I pazienti sono incoraggiati a partecipare e a migliorare il loro benessere mentre osservano l'impatto del loro stile di vita. Da una prospettiva sociale, la Medicina P4 contribuisce a ridurre l'incidenza delle malattie croniche complesse che attualmente rappresentano il 75% dei costi complessivi per la cura delle malattie negli Stati Uniti.

Gli elementi centrali della Medicina P4 sono tornati sotto i riflettori con il Covid-19, poiché l'industria sanitaria è stata chiamata ad accelerare l'innovazione, a portare rapidamente nuovi prodotti sul mercato e ad esplorare nuovi modi per garantire un'adeguata assistenza ai pazienti in uno scenario altamente difficile e incerto.

Tra le tendenze tecnologiche che hanno guadagnato terreno nel 2020 e si prevede che rimarranno dopo la pandemia, c'è il Internet of Medical Things (IoMT) - che è l'applicazione di tecnologie IoT mature per collegare apparecchiature mediche e dispositivi sanitari a una rete intelligente,permettendo ai professionisti della sanità di fornire cure proattive anche a distanza.Le applicazioni hanno spaziato moltodai wearables connessi che riportano i dati critici del paziente quasi in tempo reale allo sviluppo di letti intelligenti da collocare sia in ospedale, sia a casa.

In Paradox Engineering stiamo lavorando con Minebea Intec e MinebeaMitsumi Sensing Division su una soluzione altamente innovativa per il settore dell'assistenza gestita: il nostro obiettivo è quello di fornire una piattaforma pervasiva, sicura e aperta per il monitoraggio a distanza e non invasivo dei pazienti.

Grazie a questa tecnologia, i pazienti e gli anziani possono vivere più a lungo a casa e beneficiare di assistenza continua e affidabile durante i trattamenti a lungo termine - godendo di una qualità superiore di salute, indipendenza e sicurezza. Ospedali, cliniche, case di cura e di riposo possono offrire assistenza remota al paziente affidabile ed efficiente ed estendere i loro servizi, così come la loro capacità di ricovero. Gli assistenti professionali possono essere sostenuti e alleggeriti nel loro lavoro quotidiano, grazie al rilevamento immediato di cambiamenti potenzialmente critici nelle condizioni del paziente.

La nostra piattaforma di cura intelligente è rivoluzionaria in quanto incorpora l'intelligenza artificiale. Potrebbe sembrare controintuitivo, ma l'integrazione dell'AI contribuisce a un approccio più umano ed empatico all'assistenza sanitaria. Questo perché L'AI può essere usata per correlare e unire i dati dei pazienti costruendo una cartella clinica più completa, valutando meglio i livelli di rischio del paziente e i potenziali sviluppi della malattia. In alcuni casi, l'AI può anche raccomandare terapie e fornire ai medici le informazioni di cui hanno bisogno per personalizzare completamente la cura del paziente.

Mentre ci allontaniamo da una sanità focalizzata sulla patologia, ci stiamo orientando verso modelli di relazione medico-paziente costruiti su un'esperienza più empatica e collaborativa, dove i dati dei pazienti sono vitali per qualsiasi trattamento che ricevono e qualsiasi stile di vita che adottano. In questo scenario, i principi della Medicina P4 possono veramente decollare con IoT e AI.