Circa un terzo della popolazione che vive nei paesi dell'OCSE non si sente sicura a camminare da sola di notte. La sicurezza pubblica è un'area di crescente preoccupazione in molte città del mondo.

Naturalmente, il livello di preoccupazione varia tra regioni e paesi, a volte anche tra città all'interno dello stesso paese. Il Giappone, Singapore, l'Australia, la Scandinavia, la Svizzera e il Canada sono normalmente ai primi posti negli indici di sicurezza, mentre l'America Latina, l'Africa e il Medio Oriente hanno un numero relativamente alto di città meno sicure.

Una vasta gamma di tecnologie di sicurezza è disponibile per supportare le forze dell'ordine nelle città e alcune di esse - come i sistemi di videosorveglianza analogici - esistono da decenni. Secondo Berg Insight, il mercato globale delle attrezzature per la sorveglianza delle città ha raggiunto 9,9 miliardi di euro nel 2020 e dovrebbe crescere con un CAGR del 19,7% per raggiungere 24,2 miliardi nel 2025, includendo i sistemi hardware e software.

Cina, Stati Uniti e Regno Unito hanno guidato l'adozione di sistemi di videosorveglianza fissi, la sola Cina ha più di 200 milioni di telecamere installate. Le ultime generazioni di questi dispositivi possono essere integrate nelle infrastrutture IoT urbane per poterli gestire e controllare insieme ad altri dispositivi intelligenti e connessi. I progressi nell'analisi video e la iniezione di intelligenza artificiale hanno inoltre rafforzato le operazioni di sorveglianza.

Una promettente evoluzione tecnologica riguarda la sorveglianza mobile e audio. Le telecamere indossabili e a bordo dei veicoli delle forze dell'ordine stanno emergendo come preziosi complementi all'infrastruttura di videosorveglianza esistente. I dispositivi indossabili permettono al personale delle forze dell'ordine di catturare materiale video e audio per migliorare le operazioni dal vivo, documentando allo stesso tempo eventuali comportamenti scorretti della polizia a fini di responsabilità pubblica. L'uso delle camere indossabili sta crescendo significativamente, con gli Stati Uniti e il Regno Unito che guidano nuovamente l'adozione insieme a Cina, Australia, Francia e Germania.

Le nuove applicazioni IoT includono i sensori di rilevamento degli spari. Questa non è una tecnologia nuova (le applicazioni militari sono ormai mature), ma il loro uso per la sorveglianza ad ampio raggio in ambienti urbani è abbastanza recente. I sistemi di rilevamento degli spari sono ora in fase di sperimentazione in un certo numero di città - principalmente in Nord America - e gli analisti del settore si aspettano che diventino interessanti nelle regioni in cui i tassi di criminalità rimangono preoccupanti.

Mentre le città hanno bisogno di modi più intelligenti per garantire la sicurezza pubblica, la videosorveglianza non è esente da critiche. Le applicazioni che prevedono il riconoscimento facciale, anche quando sono usate solo per scopi di sorveglianza, sono spesso viste come una violazione della privacy personale e talvolta osteggiate dai cittadini.

A Barcellona, in Spagna, il consiglio comunale ha sviluppato una soluzione basata su telecamere per attuare misure di controllo della folla e aiutare ad affrontare il Covid-19, ma è stato costretto ad anonimizzare le immagini per proteggere la privacy delle persone negli spazi pubblici. Già nel 2019, diverse città statunitensi tra cui San Francisco e Oakland hanno vietato la tecnologia di riconoscimento facciale e un forte movimento di attivisti per i diritti civili sta attualmente spingendo per una regolamentazione rigorosa della sorveglianza digitale in diversi stati.

Mentre il dilemma della privacy dovrà essere risolto, è chiaro che le tecnologie di videosorveglianza offrono grandi benefici alle città e alle persone. Nel prossimo futuro, molto probabilmente vedremo un uso più efficace di questi sistemi e una più stretta integrazione con altre applicazioni urbane per il monitoraggio del traffico, il rilevamento degli incendi, la risposta alle emergenze e altro ancora.